Un video impossibile

Sto tentando di girare il video più sfigato del mondo. Non anticipo nulla, ma se riesco a portarlo a termine è un’impresa epica (e non esagero). Ma procediamo con ordine…
I problemi sono cominciati fin da subito:

Location – Avevo individuato una location paradisiaca, davvero perfetta per tutte le scene da girare immersi nella natura (potete vedere le foto qui). Peccato che tre giorni prima di iniziare le riprese questo paradiso terrestre sia stato recintato e tramutato in pascolo per le mucche! Ho dovuto in tre giorni riuscire a trovare altre location (al plurale perchè per sopperire a quell’unica, bellissima iniziale ne ho dovute trovere altre 5 o 6, che in confronto fanno quasi schifo). Il tutto corredato da un calendario scolastico tempestato di verifiche ed interrogazioni decisive per la media scolastica (e con l’immancabile mamma professoressa che mi ricorda che la scuola viene sempre prima di tutto…). Studiando dalle 5 in poi e girando tre ore al giorno in moto come un deficiente ce l’ho fatta. Ma questo è stato il meno…

Attrezzatura – lo strano trabicolo che mi ero fatto costruire per ottenere scene più flude e stabili (è impossibile girare scene fluide con una piccola videocamera consumer) si è smontato a causa di una vite mal fissata alla prima scena… Ho quindi dovuto cambiare completamente lo stile delle riprese, e delle inquadrature di conseguenza, che anzichè essere fluide e stabili ora sono mosse, in stile amatoriale.

tempo – per forza di cose devo concludere le riprese entro il 12. Fino al 6 l’atrice è in vacanza, dopodichè sembra che non ci sia più un momento in cui attrice ed attore siano disponibili contemporaneamente. Ora proverò a girare tutto il possibile con i singoli attori e concentrare le inquadrature con entrambi in poco tempo che spero di riuscire a trovare.

Per favore fa che in quei benedetti quattro giorni non piova…

Beh se tutto va bene ad inizio luglio forse potrò pubblicare il risultato…

Rispondi