Andrew Kramer

Andrew Kramer e Demon Cam: i nuovi orizzonti della crossmedialità

Per chi non lo sapesse Andrew Kramer è il dio degli effetti speciali digitali per il cinema. Da anni gestisce con il suo gruppo di lavoro Videocopilot.com, un sito internet che offre numerosi (nonchè i migliori) tutorial per creativi che lavorano nel settore del compositing e dei VFX in generale. Oltre questo, che è già tantissimo, Videocopilot produce anche una serie di dvd con tanto materiale utile per rendere più facile e veloce la creazione di effetti speciali.

Ma le cose più interessanti accadono quando Andrew si mette a giocare. Tempo fa lessi che stava cercando un programmatore da assumere per un lavoro. Oggi ho scoperto cosa gli stava balenando per la testa:

Videocopilot ha appena rilasciato Demon Cam, una app per iPhone (e presto anche per Android) che è davvero il risultato dell’utilizzo intelligente delle nuove tecnologie e della cross-medialità. Ovviamente Demon Cam non è più che un semplice giochino, ma a livello tecnologico è forse il primo esperimento che riesce a combinare efficacemente competenze che vengono da mondi differenti ma paralleli: effetti speciali, grafica computerizzata, cinema, programmazione, pubblicità, internet e marketing.

Il video qui sotto è la clip promozionale, un vero e proprio cortometraggio che unisce in un solo prodotto tre importanti funzioni: pubblicizzare l’app, spiegare come si utilizza la app, intrattenere. Pubblicità, manuale di istruzioni e “cinema” (permettetemi le virgolette, il Cinema è un’altra cosa). Il tutto attraverso la programmazione, la ripresa e l’utilizzo di manipolazioni grafiche 2 De 3D.

Forse è proprio questo che potrebbe essere in grado di progettare un Ingegnere del Cinema e dei Mezzi di comunicazione. Anzi, molto di più, questo è solo uno stupido giochino, ma è un segnale delle possibilità che si aprono grazie ai nuovi media, di cui tanto si parla ma che troppo spesso vengono utilizzati impropriamente, senza sfruttare vantaggi e svantaggi specifici del mezzo.

Andrew dice che non sa perchè abbiano fatto così tanto per una app. Il motivo però è evidente: il costo è di appena 0,99 $, ma venderà parecchio.

Rispondi